RSS

febbraio 22nd, 2015 - 11:14 § in Varie

“Vattani ha ragione: la sinistra ha affossato la diplomazia italiana”. Su Libero parla Gianluca Pini (Lega) della Commissione Esteri (22.02.2015)

Da Libero Quotidiano del 22 febbraio 2015:

PINI (LEGA) «Vattani ha ragione. La sinistra ha affossato la nostra diplomazia»

Sull’impotenza della nostra diplomazia, stroncata da un decennio di tagli alla Farnesina, il console Mario Vattani, coordinatore dei rapporti tra l’UE e i Paesi dell’Asia Pacifico, non le ha certo mandate a dire, parlando ieri su «Libero» di «un’Italia in prima linea senza armi, senza vista e senza voce».

Una posizione condivisa da Gianluca Pini, della Lega Nord e membro della Commissione esteri.

«Vattani fotografa con grande lucidità», ci dice, «la situazione di deficit informativo e operativo dei nostri diplomatici.

Gli ambasciatori italiani e i funzionari della Farnesina non sono messi in condizione di ricevere i dossier sulle principali aree di crisi nel mondo; di conseguenza, vengono puntualmente esclusi da qualsiasi tavolo decisionale tra le potenze».

Al discredito della nostra diplomazia concorrono, secondo Pini, «non solo la mancanza di risorse e l’inconsistenza del massimo esponente della Politica estera europea, Federica Mogherini, ma anche l’atteggiamento della sinistra al governo, che ha scelto, ad esempio, di non affidare la valutazione del decreto Missioni, sulle normative anti-terrorismo, alla Commissione Esteri, certificandone di fatto il depotenziamento».

G.V.


febbraio 22nd, 2015 - 11:03 § in Varie

da Libero Quotidiano: Dopo dieci anni di tagli a Esteri e Difesa, l’Italia in prima linea senza armi, senza vista e senza voce (21.02.2015)

    Di fronte alle minacce globali del terrorismo e dell’immigrazione selvaggia, solo grazie alla sua rete di Ambasciate e Consolati, l’Italia può contare su esperti sul terreno che intrattengono contatti a tutti i livelli, intravedono in anticipo le grandi trasformazioni in corso[...]


febbraio 22nd, 2015 - 10:54 § in Varie

10 febbraio 2015: permesso ricordare, vietato raccontare. Pericoloso giudicare.

  Norma Cossetto (Nata a Visinada, 17 maggio 1920 – uccisa ad Antignana, il 4 o 5 ottobre 1943)   Laureanda in storia e filosofia all’Univerità di Padova, ai primi di ottobre del 1943 fu catturata dai partigiani e condotta all’ex caserma della Guardia di Finanza di Parenzo (Por[...]


dicembre 17th, 2014 - 11:04 § in Giappone, News, Varie

da Libero quotidiano (16.12.2014): “Stile Nipponico. Lo sguardo di Fudomyoo e la rinascita del Giappone” di Mario Vattani

I boschi del Giappone sono diversi. Non c’è quell’arietta fresca della foresta nera, che quando ero bambino aveva un sapore leggero e fatato. Qui, attraverso le narici e fin dentro i polmoni, è umido. Si sale lungo un ruscello, accompagnati dall’odore della corteccia che marcisce e poi diven[...]


dicembre 15th, 2014 - 23:45 § in Giappone, News, Varie

Martedì 16 dicembre su Libero: il mio racconto sugli uomini che calpestarono la coda della tigre…

La resistenza del “Sovrano della Luce Immobile”, idolo severo dei monaci eremiti nelle montagne del Sol Levante. Dal teatro Kabuki alla pellicola di Akira Kurosawa, che nel 1945 aveva già indicato il cammino verso la rinascita dell’identità giapponese, e non solo…    [...]


dicembre 9th, 2014 - 13:03 § in Varie

“Arsenico e vecchie feluche”. Un doveroso ricordo dell’Ambasciatore Paolo Faiola (da il Foglio del 05.01.2007)

  Paolo Faiola, “Arsenico e vecchie feluche” Edimond, 2007     “Simpatica la citazione di una frase tratta da un libro di F. A. Giménez Arnan (Memoria de Memorias): ‘E’ l’unica carriera nella quale Lei vivrà come se fosse ricco, senza esserlo’. Ne ho fatto [...]


dicembre 1st, 2014 - 15:17 § in News, Varie

Alla Farnesina c’è chi si crede tornato all’epoca dei serpentoni: volantinaggi, manifesti, intimidazioni. Ma si sbaglia.

Invece di pensare ai diritti dei lavoratori, la CGIL Esteri lancia una campagna denigratoria contro un singolo funzionario, Mario Vattani. Stavolta è accusato di lavorare.   Nei primi anni settanta, alla Farnesina c’erano i serpentoni. Decine di impiegati si davano appuntamento – di so[...]