RSS

febbraio 28th, 2017 - 12:09 § in News, Varie

“Io e l’uomo Plasmon nel carcere egiziano”, di Mario Vattani (da Tempi, 23 febbraio 2017)

Sono passate quasi due ore da quando abbiamo lasciato la periferia del Cairo e intorno a noi tutto è diventato color sabbia, quando sento che la macchina svolta a sinistra su una strada secondaria dissestata. Ora costeggiamo un canale zeppo di rifiuti. Devo essermi appisolato, e adesso ho la gola secca per il sole, la polvere e il calore. L’autista mi informa che tra poco saremo al carcere. Eccolo, sembra un piccolo castello medievale circondato da un alto muro in mattoni color tufo, nascosto in un’oasi. Parcheggiamo fuori dal grande portone di ferro arrugginito, facendo manovra molto lentamente per non urtare le buste di verdure, vestiti e detersivi posate a terra dalle donne che attendono l’orario della visita. Questo caldo asfissiante rende gli odori ancora più densi e appiccicosi, come se venissero assorbiti dalle pareti delle narici, dalle mucose della gola, per non andare più via.

E’ la prima volta che vedo una prigione egiziana. E’ il 1998, e da meno di un mese sono il console d’Italia al Cairo, per questo oggi sono venuto a far visita all’unico detenuto italiano in Egitto. Devo assicurarmi che stia bene, e far capire ai responsabili che noi ci occupiamo del nostro connazionale, e che ci aspettiamo che le condizioni di detenzione non mettano a rischio né la sua salute, né la sua capacità psicologica di gestire la prigionia.

Cercando ci cacciare via le mosche che mi hanno assalito non appena sono sceso dall’auto, mi avvicino alla fila dei familiari, accompagnato dall’autista egiziano che oggi mi farà da interprete con i guardiani, ma subito un forte colpo di clacson, accompagnato dallo sferragliare di un motore, ci costringe a saltare un rigagnolo puzzolente, e a spostarci da davanti al portone. E’ una vecchia camionetta della polizia, si indovina dalla vernice blu scuro scrostata. In cima alla fiancata si notano due piccoli finestrini, dalla cui grata sporgono decine di dita umane, quelle dei prigionieri che probabilmente non hanno altro appiglio a cui tenersi durante il viaggio. Con un ultimo scossone il furgone si ferma davanti al portale della prigione, che si apre con un rumore lamentoso. Ne escono un paio di guardie carcerarie dall’uniforme trasandata color khaki, portano un bastone che somiglia a un mezzo manico di scopa, e fanno segno a tutti noi visitatori di stare lontano. Quando lo sportello posteriore della camionetta viene aperto, iniziano a scendere i prigionieri, vestiti con una tuta blu. Le guardie li colpiscono sul sedere e sulle gambe con il bastone per farli filare dentro di corsa, e intanto quelli scendono uno dopo l’altro, ma sembrano non finire mai. E’ impossibile che fossero così tanti in un furgone così piccolo.

Mentre aspetto, cerco di prepararmi mentalmente all’incontro. Anche se l’ultimo rapporto del mio predecessore appariva positivo, non oso immaginare in che condizioni troverò quest’uomo chiamato Fioravante Palestini, originario di Giulianova, detenuto in Egitto da diciotto anni. Continuo ad arrovellarmi, asciugandomi il sudore dalla fronte e dal cranio, anche mentre lo aspetto nell’area destinata agli incontri. Poi, in mezzo al caos che mi circonda, distratto dal caldo e dal viavai dei familiari, dagli abbracci delle madri, dal pianto delle figlie, vedo all’improvviso avvicinarsi una figura molto più alta delle altre.

E’ lui. Capelli neri corti e pettinati, ben rasato, Palestini cammina lentamente con la schiena dritta, il che rende il suo fisico ancora più imponente. Mi accorgo che mentre mi alzo in piedi sto sorridendo per il sollievo. Lui mi saluta con garbo. “Signor console, grazie di essere venuto”.

Fioravante Palestini, detto Gabriellino, è l’uomo Plasmon. Quello che molti di noi ricordano ancora dai tempi di Carosello, quando dandoci le spalle scolpiva il nome della nota marca di biscotti sul capitello di una grossa colonna. La polizia egiziana lo cattura nel 1983 sulla nave Alexandros G, mentre si accinge a passare il canale di Suez con un carico di 230 chili di eroina. Palestini sopravvive a venti e più anni di galera in Egitto, e ora è rientrato a Giulianova, al suo mare Adriatico, che lui è capace di attraversare da solo, in pattino, fino alla sponda orientale.

E’ finalmente uscito il libro che racconta la sua storia: “L’Uomo Plasmon. La storia di Fioravante ‘Gabriellino’ Palestini, un biglietto di andata e ritorno dall’inferno” (editore Lìbrati, 2016, p. 370), scritto dal giornalista Ivan Di Nino in due anni di lavoro e approfondite ricerche storiche e giudiziarie. E’ un racconto che attraversa senza mezzi termini, con la freddezza equilibrata di una telecamera, un inquietante mondo criminale di cui riconosciamo nomi e personaggi, per poi arrivare ad un luogo più alto, dall’atmosfera rarefatta, dove governano la solitudine, la resistenza e la libertà.

 

 


febbraio 10th, 2017 - 17:36 § in News, Varie

Giorno del Ricordo, parole d’ordine: ignorare e ridimensionare. Ma è sufficiente la storia di Norma Cossetto per capire con chi abbiamo a che fare.

Ho aspettato il pomeriggio del 10 febbraio, Giorno del Ricordo che molti – sembrerebbe anche ai vertici dello Stato – preferirebbero forse dimenticare, per scrivere qualcosa di personale. Per me è un esercizio di memoria, ma volevo prima lasciar passare un po’ delle notizie e dichiara[...]


febbraio 6th, 2017 - 14:53 § in News, Varie

Napoli, Rosaria Iazzetta e le grandi scritte di Scampia. Una promessa dal sapore zen che è anche una sfida.

Dalla fine del 2012 ho passato qualche mese a Napoli. Era un periodo non facile, e anche per questo ho un bellissimo ricordo di tutte le persone che mi hanno aiutato e sostenuto in quei mesi vissuti così intensamente.  Mi spostavo regolarmente tra Napoli, Portici, Giugliano in Campania, per incont[...]


gennaio 27th, 2017 - 19:30 § in News, Varie

Oroscopo cinese: il 2017 è l’anno del Gallo. Inventare, creare, esagerare, ma attenzione all’impulsività.

Il 28 gennaio 2017 inizia l’anno del Gallo per l’oroscopo cinese. Quest’ultimo è un sistema astrologico vecchio di millenni, riguarda un continente in cui vive, cresce e muore buona parte della popolazione mondiale, quindi tutto sommato è una cosa con cui bisogna fare i conti. Il Gallo è il[...]


settembre 7th, 2016 - 15:06 § in Giappone, News, Rassegna Stampa, Varie

Mario Vattani: il Giappone dentro (da Playboy, 24 maggio 2016)

di Bruno Ballardini   Molti trovano l’erotismo giapponese indecifrabile e la cultura nipponica a tratti impenetrabile e misteriosa, forse per questo tanto affascinante, come racconta Mario Vattani, profondo conoscitore del Sol Levante. Mario Vattani, classe 1966, parigino di nascita, londines[...]


settembre 1st, 2016 - 12:40 § in Giappone, News, Varie

A proposito di terremoti: il primo settembre in Giappone è il giorno della riduzione dei disastri (da L’Intellettuale Dissidente, 1 settembre 2016)

A proposito di terremoti, non so se sono d’accordo con il passaggio dell’omelia – poi ampiamente ripreso dalla stampa – in cui recentemente il Vescovo di Rieti, Domenico Pompili, davanti a un pubblico di fedeli piegati dal dolore per la tragedia che la notte del 24 agosto scorso in pochi[...]


agosto 11th, 2016 - 12:23 § in Giappone, News, Varie

Mario Vattani al TG1 con il suo romanzo “Doromizu”, intervistato da Bruno Luverà (7 agosto 2016)

Mario Vattani viene intervistato al TG1 da Bruno Luverà, nella rubrica libri “Billy” sul suo romanzo noir “Doromizu. Acqua torbida” (Mondadori, 2016) Clicca qui per il video: VATTANI TG1 07.08.2016 Il romanzo Doromizu, un viaggio iniziato sensuale e spietato nel ventre di T[...]